Windows 10, nonostante abbia in questi giorni stabilito un nuovo record di installazioni garantendosi così una larga fascia d’utenza Windows, rappresenta ancora per molti un sentiero sconosciuto ed impervio. Ci si chiede se il passare a Windows 10 possa o meno essere vantaggioso. Achab, azienda specializzata in ricerca e implementazione di soluzioni IT analizza i pro e i contro di questo delicato passo.

Windows 10

Windows 10 per le aziende

Esaminiamo l’impatto che Windows 10 ha avuto e sta tuttora avendo in ambito aziendale sondando poi nel dettaglio l’ambiente privato dell’user finale.

proPRO

1. Costi Azzerati: Le licenze Microsoft non sono più un problema per le aziende che vogliono rimanere aggiornate. Windows 10, infatti, è gratuito se raggiunto entro i primi 12 mesi dal lancio. Conviene quindi aggiornare subito se si desidera un sistema innovativo e soprattutto se si vogliono mantenere bassi i costi di gestione aziendale.

2. Windows è multidevice: Un sistema universale per PC Desktop, notebook, smartphone e tablet che ben si adatta agli ambienti che lo ospitano. Standardizzazione ai massimi livelli. Un unico sistema operativo per una molteplicità di dispositivi. Aggiorniamo a Windows 10.

3. Produttività al massimo: La gestione della produttività è stata sempre la priorità per un utilizzatore Windows in campo aziendale. Grazie all’interoperatività di Windows 10 su sistemi anche molto diversi tra loro i propri documenti di lavoro sono facilmente raggiungibili tramite app. Grazie alla “nuvola digitale” ed agli smartphone infatti sarà possibile realizzare sessioni continuative di lavoro anche in mobilità servendosi dell’integrazione cloud su OneDrive.

CONTRO

1. Sei troppo giovane: Un sistema operativo appena nato potrebbe non giovare ad una piattaforma aziendale dove strumenti quali in controllo remoto e i tool di gestione IT rappresentano un elemento cruciale di gestione. Windows 10 supporta appieno questi strumenti? Le incognite in gioco sono davvero molte. Meglio puntare alla solidità ed all’affidabilità di Windows 7/Windows 8.

2. Supporto a lungo termine: Benché Microsoft stia mantenendo appieno le promesse proponendo settimanalmente continui miglioramenti di sistema volti in special modo al fronte sicurezza e features, non c’è motivo di passare a Windows 10 se questa è la vostra reale motivazione. Windows 7 e Windows 8 infatti potranno beneficiare di aggiornamenti rispettivamente fino al 2020 ed al 2023. Come si suol dire: siete in una botte di ferro !!

3. Non so guidare: Windows 10 ha appena superato i primi esami ma non è ancora pratico alla guida. Infatti Windows 10 potrebbe non offrire pieno supporto ai driver che governano alcuni dispositivi specie si di non recente fattura come periferiche via seriale o USB. Il monitor Dell S2240T: non è supportato da Windows 10. In ambito aziendale questo fattore si ripercuote negativamente sulla produttività visti i tempi di recupero previsti per il sistema in taluni casi. Informatevi preventivamente e prendete le opportune misure informative.

Windows 10

Windows 10 per i privati

Windows 10 ha portato ad una serie di indubbi vantaggi per l’utente finale e la gestione dell’esperienza utente è in continuo miglioramento. Tuttavia vi sono de motivi per cui il passaggio al nuovo sistema non sarebbe vantaggioso: Scopriamo perché.

pro

PRO

1. Lo stiamo regalando!! : Mai parole furono così rincuoranti. Anni ed anni di lotte per le licenze sono svanite come acqua nel terreno con il nuovo Windows 10. Un’occasione irripetibile per garantirsi un sistema snello, giovane e continuamente aggiornato. Aggiornate!!

2. Novità accattivanti: Nuovo browser, nuova gestione multidesk, nuovo assistente personale completo sono solo alcune delle molteplici novità di questo nuovo ed intrigante sistema operativo. Dinamismo e novità sono all’ordine del giorno col nuovo Windows 10. Troppo bello per essere vero!!

3. Soddisfatti o rimborsati: Una volta installato il nuovo Windows 10 ed averne saggiato le novità potreste voler ritornare al vecchio sistema operativo precedente. Se il nuovo Windows 10 non ti ha soddisfatto hai 30 giorni per fare un passo indietro . Nessun timore, Windows 10 integra infatti una procedura guidata che ti consente di ritornare sui tuoi passi.

CONTRO

1. Aggiornamenti automatici troppo automatici: Non c’è spazio per un’interpretazione personale. Microsoft ha deciso con Windows 10 di installare in maniera indiscutibile ogni qualsivoglia aggiornamento senza la conferma diretta da parte dell’utente. Sei con le spalle al muro!!! Benché questo porti ad un notevole aumento del fattore sicurezza contribuisce in alcuni casi al contagio di bug e disservizi nell’ipotesi di un eseguibile corrotto rilasciato da Microsoft come aggiornamento di sistema. Questo è già successo con  le schede video NVIDIA ed altri aggiornamenti software ufficiali. Magari Windows 10 ha solo bisogno di crescere un pò.

2. Esame di guida: Bocciato !!: Come per le vecchie periferiche, anche le nuove subiscono l’infausto destino dei driver non compatibili. Ad affermarlo è la stessa Microsoft: “Alcune stampanti e altri dispositivi hardware potrebbero non funzionare. Lo stesso vale per alcuni software, inclusi antivirus o programmi di sicurezza, i quali potrebbero anche non essere installati correttamente. Perfino la connessione alle reti domestiche o aziendali potrebbe risultare problematica”. Una frase che abbiamo ritrovato nella preview ma che ancora popola il sito della Microsoft. Il dubbio resta.

3. Funzionalità mancanti: Se con Windows 7 eri affezionato ai gadget desktop ed al MediaCenter per il tuo tempo libero: ALTOLA!! Windows 10 infatti non prevede tali soluzioni. In questo caso non aggiornare.

  • Windows 10? è un po’ prepotente e meno intellegibile rispetto ai precedenti. Come XP pofessional, era favoloso. Comunque pazienza. Saluti.